fantasia in cucina: gli olii aromatizzati

 

olio-aromatizzato2

Vi sarà sicuramente capitato di acquistare qualche bottiglietta di olio aromatizzato, magari al peperoncino .. ma se ci pensate bene potete farvelo da voi, dando spazio alla creatività e al divertimento 🙂 e poi è anche un’occasione per fare dei “regali” originali e utili ! 🙂

Il procedimento è molto facile, dovete però essere molto rigorosi nella sterilizzazione dei contenitori per far riposare l’olio e dei contenitori “finali”. Questa fase deve essere sempre fatta, mi raccomando !I

In questa ricetta trovate due idee di olio aromatizzato, uno al rosmarino, menta e timo e l’altro al pepe rosa e aneto, ottimo per il pesce. Però date spazio alla Vs. creatività e gusto e cimentatevi anche con altre spezie, esempio bacche di ginepro, peperoncini …

Occorrente:

vasetti in vetro per il riposo dell’olio (come quelli della marmellata con i relativi coperchi)

1 pentolone

2 canovacci puliti

bottigliette in vetro dove sarà imbottigliato l’olio

1 imbuto con griglietta

Ingredienti:

Olio extra vergine d’oliva possibilmente spremuto a freddo

Rosmarino in rametti

foglie di timo fresco

foglie di menta fresca

rametti di aneto fresco

pepe rosa in grani

Procedimento olio menta, timo e rosmarino:

Iniziate subito con la sterilizzazione dei vasetti. Disponete in una casseruola capiente i vasetti (2-3 barattoli) con i relativi coperchi. Coprite il tutto con acqua fredda e ponete sul fuoco. Portate a bollore e abbassate la fiamma. Fate bollire per circa 20 minuti.

Nel frattempo sciacquate i rametti di rosmarino, di timo e le foglie di menta. Tamponate delicatamente con un canovaccio pulito. Dopo i 20 minuti, scolate con una pinza i vasetti, facendo attenzione a non scottarvi e adagiateli su un canovaccio pulito.

Prendete il primo vasetto e iniziate a disporre sul fondo i rametti di rosmarino e di timo, tagliandoli in pezzi di 3 cm, e le foglie di menta (tenetele intere, non spezzettatele). Arrivate circa a metà vasetto e versate quindi l’olio cercando di schiacciare le spezie con una forchettina. Versate l’olio fino al bordo superiore, cercando di non far uscire dal livello dell’olio nessuna spezia. Battete leggermente il fondo del vasetto per far uscire eventuali bolle d’aria e chiudete molto bene con il coperchio. Procedete nella stessa maniera con gli altri vasetti.

Disponete i vasetti con l’olio in una credenza fresca e al buio. Fate riposare per 28 giorni senza mai aprirli. Trascorso il periodo di riposo, potete passare alla fase due ovvero la sterilizzazione dei contenitori finali e la preparazione dell’olio aromatizzato.

Fate bollire come nella fase sopra i contenitori con il loro coperchio per i 20 minuti. Scolateli con delicatezza e disponeteli su un canovaccio pulito.

Prendete ora i vasetti che hanno riposato e armatevi di imbuto con la griglietta. Inserite l’imbuto nella prima bottiglietta e versatevi l’olio schiacciando man mano con una forchetta le spezie. Arrivate fino all’orlo e poi chiudete con il coperchio. Passate quindi alla seconda bottiglietta e così via.  Avete così preparato il vostro olio aromatizzato 🙂 sbizzarritevi su come creare la targhetta con la descrizione e la decorazione 🙂

Procedimento olio aneto e pepe rosa:

Prendete i vasetti sterilizzati e disponetevi i rametti di aneto (tagliati in pezzi da 3 cm) e i grani di pepe rosa. Anche qui coprite interamente con l’olio e chiudete molto bene con il coperchio. Fateli riposare sempre per 28 giorni. Trascorsi i giorni, filtrate con l’imbuto ma ricordatevi di lasciare nelle bottigliette qualche granello di pepe come decorazione. Questo olio è ottimo come condimento sul pesce, ideale sul salmone oppure sui ravioli di gamberi, provatelo 🙂

Adesso ho un vasetto di olio di rosmarino e menta che mi aspetta !

E voi quale olio preparerete ? 🙂

olio-aromatizzato1

 

 

Spaghetti al pesto di Bagòss

E dopo una pausa, rieccomi con una nuova ricetta gustosa ma di facile realizzazione 🙂

L’ingrediente principale é il formaggio Bagòss che deve essere stagionato di tre anni.

Per informazioni su questo formaggio potete leggere la mia ricetta “Farfalle al Bagòss” nei primi piatti.

Pronti? 🙂 🙂

Ingredienti x 4 persone:

360 gr. spaghetti

90 gr. formaggio Bagòss stagionato di tre anni

60 gr. basilico fresco

50 gr. pinoli

1 spicchio d’aglio

1 pizzico di sale

q.b. olio evo

4/6 foglioline di basilico per la guarnitura

formaggio Bagòss gratuggiato per la guarnitura

Preparazione:

Mettete a bolliire l’acqua salata per gli spaghetti.

Nel frattempo raccogliete in un mixer (l’ideale sarebbe un mortaio in marmo) il basilico, il formaggio Bagòss, i pinoli, uno spicchio d’aglio, un pizzico di sale grosso e due cucchiai da tavola di olio evo.

Mixate il tutto, spegnendo ogni tanto per mescolare e raccogliere bene tutti gli ingredienti.

Se la salsa dovesse risultare troppo densa potete aggiungere ancora un poco di olio evo ma senza esagerare.

Quando la salsa é ben omogenea, tenete da parte.

Buttate gli spaghetti e portate a cottura.

Scolateli e conditeli con il pesto di Bagòss.

Impiattate spolverizzando con del Bagòss gratuggiato e una/due foglioline di basilico.

Gnocchetti di patate, bieta ed erbette con condimento primavera

Uno tira l’altro … eh si ! oggi vi propongo un primo piatto facile da preparare e con un risultato squisito 🙂

Si tratta di gnocchi di patate fatti in casa con bieta ed erbette con condimento primavera 🙂

Pronti ? 🙂

Ingredienti x 6 p. (per gli gnocchi):

700 gr. patate

400 gr. bieta ed erbette in foglia

250 gr. farina 0

1 cucchiaio da tavola di olio evo

q.b. sale

Ingredienti (per il condimento primavera):

250 gr. pomodori datterini

80 gr. olive nere e verdi denocciolate

1 manciata di capperi dissalati

1 manciata di pinoli

11 foglie di basilico

1 spicchio d’aglio in camicia

2 cucchiai da tavola di olio evo

1/2 bicchiere da tavola di vino bianco

Ricotta salata

q.b. sale

q.b. pepe

Preparazione:

Mettete a bollire le patate con la buccia in una casseruola per circa 30 minuti.

Fate la stessa operazione per la bieta e le erbette cuocendole per circa 20 minuti.

Quando le patate e le erbette saranno cotte, scolatele e fatele raffreddare.

Sbucciate poi le patate e schiacciatele nel passapatate.

Prendete la bieta e le erbette e tagliuzzatele con un coltello.

Riunite le patate e le erbette in un recipiente insieme alla farina, il cucchiaio di olio evo ed il pizzico di sale.

Iniziate ad impastare con un mestolo, poi trasferite tutto su una spianatoia ed impastate a mano.

L’impasto sarà molto morbido quindi tenete infarinata la spianatoia e formate una palla.

Avvolgete la palla con la pellicola e fatela riposare per 15 minuti in luogo fresco.

Nel frattempo iniziate a preparare il condimento primavera:

Tagliate a rondelline le olive nere e verdi e i datterini a metà.

In un saltapasta aggiungete due cucchiai di olio evo con l’aglio in camicia.

Appena l’aglio soffrigge unite le olive, i capperi e la manciata di pinoli.

Nel frattempo mettete a bollire l’acqua salata per la cottura dei gnocchetti.

Riprendete la pasta dei gnocchetti e formate con le mani dei cordoncini di 1 cm. circa di spessore.

Ricavate dei gnocchetti di 2 cm. circa di lunghezza e schiacciateli leggermente con i rebbi di una forchettina.

Disponeteli man mano su un vassoio infarinato.

Tornate al condimento e sfumate con mezzo bicchiere da tavola di vino bianco.

Aggiungete quindi 5 foglie di basilico tagliuzzate, i pomodorini datterini e togliete lo spicchio d’aglio.

Le rimanenti foglie di basilico serviranno per la guarnizione.

Aggiustate di sale e pepe ed abbassate la fiamma.

Il condimento sarà pronto quando i datterini saranno morbidi.

Buttate i gnocchetti nell’acqua che bolle e appena salgono a galla, disponeteli man mano nel condimento.

Spegnete, mescolate con cura ed impiattate con un filo d’olio evo, una leggera spolverizzata di ricotta salata e qualche fogliolina di basilico.

Mini soufflé di lenticchie con salsa all’aceto balsamico, zucchine e basilico

La ricetta di oggi é molto appetitosa e delicata e, oltre ad usare le lenticchie in maniera diversa dal solito, é indicata anche per bimbi 🙂

Tutti sanno che le lenticchie sono legumi ricchi di fibre, vitamine e sali minerali e forniscono all’organismo proteine contribuendo al benessere e alla resistenza alle malattie.

E quindi cosa aspettate ! Pronti per cucinare ? 🙂

Vi consiglio di mettere a bagno le lenticchie la sera prima della preparazione oppure la mattina per la cena:

Ingredienti:

350 gr. lenticchie piccole

150 gr. formaggio Grana Padano gratuggiato

200 gr. panna da cucina

2 albumi

2 tuorli

2 scalogni piccoli

1 cucchiaio da tavola di latte

q.b. vino bianco per sfumare

q.b. erbe di provenza macinate

q.b. coriandolo

q.b. sale

q.b. pepe

q.b. olio evo

q.b. burro

q.b. brodo di verdure

Per la salsa:

1 zucchina grande

5 foglie medie di basilico fresco

1 cucchiaino di aceto balsamico

1 manciata di pinoli

1 cucchiaio da tavola di yogurt bianco magro

1 cucchiaino di zucchero semolato

q.b. olio evo

q.b. sale

Teglia con bordi alti

10 stampini da soufflé

Tempo di cottura in forno: 20 minuti

Preparazione:

Sciacquate bene le lenticchie dopo averle tenute in ammollo.

In un tegame aggiungete una noce di burro ed un cucchiaio di olio evo.

Affettate gli scalogni e fate soffriggere, poi unitevi le lenticchie.

Fate rosolare poi sfumate con il vino bianco.

Unite una manciata di coriandolo e una spolverata di erbe di provenza.

Aggiustate di sale e pepe, abbassate la fiamma, incoperchiate e fate cuocere per circa 15 minuti aggiungendo il brodo di verdure quando tenderanno ad asciugarsi troppo.

Nel frattempo tagliate la zucchina, privatela di parte della polpa centrale e bollitela nell’acqua salata  per circa 10 minuti.

Quando le lenticchie saranno pronte, spegnete e fate raffreddare.

Scolate anche la zucchina e fate raffreddare.

Versate le lenticchie in un contenitore e, con l’aiuto di un minipimer, riducetele in una morbida crema.

Nel frattempo accendete il forno a 200° ventilato.

Versate quindi la crema di lenticchie in un contenitore, aggiungete il formaggio Grana Padano gratuggiato, i tuorli, la panna da cucina ed il cucchiaio di latte.

Mescolate con cura e nel caso aggiustate di sale.

Montate a neve gli albumi e, molto delicatamente, uniteli al composto di lenticchie, mescolando dal basso verso l’alto.

Imburrate ora gli stampini con del burro fuso e sempre con cura, versatevi in ognuno il composto.

Posizionate gli stampini in una teglia con i bordi alti e versate piano dell’acqua fredda in modo da arrivare a circa metà livello degli stampini.

Posizionate la teglia in forno per circa 20 minuti.

Negli ultimi due minuti di cottura, spegnete il forno e lasciate riposare.

Passati i due minuti, aprite di poco lo sportello del forno e fate riposare altri due minuti.

Sfornate i mini soufflé e fateli freddare mentre preparate la salsa:

Versate in un contenitore la zucchina precedentemente cotta, il basilico, la manciata di pinoli, il cucchiaino di aceto balsamico, il cucchiaino di zucchero e un pizzico di sale ed olio evo in quantità per ottenere una salsa più o meno liquida.

Frullate il tutto e nel caso regolate di sale.

Unitevi lo yogurt e mescolate per amalgamare bene.

Velate i piatti di portata con la salsina e delicatamente, rovesciate gli stampini nel piatto.

Versate qualche goccia di olio evo sui mini soufflé ed accompagnate con delle verdure croccanti e un buon vino rosso.