Orate al cartoccio

Finalmente è arrivata la bella stagione e la voglia di mare aumenta 🙂 Così eccoci con una ricetta di pesce facile e gustosa ! L’orata è un pesce delicato con poche lische adatto anche ai più piccini e poi bisogna anche pensare alla prova costume quindi un po’ di cucina leggera e gustosa come questa ricetta è un’ottima idea 🙂

Ingredienti per 4 pp.:

4 orate freschissime già eviscerate e pulite

300 gr. pomodorini siciliani

4 rametti di rosmarino

4 rametti timo

2 limoni bio

q.b. olio evo

q.b. sale grosso

q.b. carta da forno

1 teglia da forno

Procedimento:

Iniziate accendendo il forno funzione statico a 210°. Nel frattempo sciacquate le orate sotto l’acqua corrente e con una forbice tagliate le pinne laterali e squamate con un coltellino. Prendete la prima orata e adagiatela al centro di un foglio di carta da forno. Nella pancia inserite una fetta di limone e un piccolo pezzo di rosmarino. Salate l’esterno con un pizzico di sale grosso ed unite i pomodorini tagliati a meta. Condite con un filo d’olio evo e un pochino di timo. Ora chiudete il foglio di carta da forno in modo da sigillare bene l’orata. Procedete alla stessa maniera con le altre orate. Disponetele nella teglia ed infornate per circa 25 minuti.

A cottura ultimata estraete la teglia e molto delicatamente aprite uno ad uno i cartocci, estraendo le orate e servendole sui piatti di portata unendo il succo e gli aromi con i pomodorini rimasti nel cartoccio.

Accompagnate con un ottimo vino rosato 🙂

 

Luzi: Fusilli Farro e Fave

fusilli-farro-e-fave

Ormai il bio è di moda, basta andare  al supermercato per trovare ormai un buon assortimento di prodotti bio/macrobiotici/integrali mentre in passato, si potevano acquistare solo in farmacia e nei negozi specializzati.

Senza nulla togliere ai prodotti veramente naturali e adatti alle varie patologie (senza glutine, integrali …) venduti nei punti vendita specializzati, al supermercato sembra di essere in una giungla di marchi che sventolano titoloni di prodotti del tipo “senza zuccheri aggiunti”, “al 100% integrale”, “senza glutine” etc e poi, quando, malauguratamente, ti prende il piglio di leggere gli ingredienti, ti cadono veramente le braccia !! La realtà è un’altra… la percentuale di prodotto naturale (esempio farro) è veramente esigua, tipo un 10% sulla percentuale totale … Questo perché la maggior parte di queste etichette, per vendere, punta solamente sui fantomatici ingredienti naturali ma non sulla effettiva presenza di quest’ultimi… che in effetti risulta essere alquanto minima…

Quindi nella rubrica recensioni, troverete d’ora in poi, qualche “dritta” su prodotti veramente naturali e bio ! Diciamo che mi piace provare ingredienti naturali e variare nelle marche, complice anche mio marito che si diverte al supermercato a scovare sempre marche nuove.. 🙂

Oggi parliamo di questi fusilli farro e fave prodotti dalla Luzi Srl di San Lorenzo in Campo (PU)  http://www.luzifood.it/ ,che produce oltre a pasta, anche cereali, legumi e farine varie (farro, orzo, fave, segale e mais). La Luzi è stata anche fornitore ufficiale dei giochi olimpici a Londra del 2012 ! e presenta tutte le certificazioni nel campo dell’alimentazione biologica. Mio marito l’ha comprata al supermercato Tigros, al costo di 2,99 euro. Certo non a buon mercato per 500 gr. di prodotto ma sicuramente meglio in fatto di qualità e gusto !

Date un’occhiata al catalogo, è veramente molto ampio e dettagliato !:-)http://www.luzifood.it/pdf/LUZI-CATALOGO_it.pdf 🙂

I fusilli farro e fave hanno una percentuale di farina integrale di farro biologico del 66,6%, di farina integrale di fava biologica del 33,3% e acqua. Quindi niente prese in giro … La confezione è di 500 gr, dettagliata negli ingredienti e nei valori nutrizionali. La cottura è di 8-10 minuti, io l’ho scolata ai 9 minuti ed era perfetta. Fate attenzione però ! Contiene glutine quindi non è adatta agli intolleranti al glutine e alle persone celiache !!

Devo dire che è stata una sorpresa ! Buona e facile da preparare con qualsiasi condimento (io l’ho preferita al pesto ma potete condirla come più vi piace, al pomodoro, in “bianco”, con datterini, basilico, olive nere e un filo d’olio extravergine spremuto a freddo).

Insomma, sbizzarritevi sul condimento ma anche sui vari formati presentati dalla Luzi e postatemi i vs. commenti ! 🙂 🙂

luzi