Spaghetti alla carbonara

Spaghetti alla carbonara
Spaghetti alla carbonara

Gli Spaghetti alla carbonara, la pasta più amata dagli Italiani e non solo 🙂

Un primo piatto di origine laziale, il connubio perfetto tra gusto e semplicità, infatti gli ingredienti sono pochi e di qualità: spaghetti, uova, guanciale, pepe nero e Pecorino Romano. Facilissima da preparare e pronta in 15 minuti 🙂

Io la preparo così:

Ingredienti per 4 pp.:

  • 320 gr. spaghetti
  • 4 tuorli
  • 150 gr. Guanciale
  • 50 gr. Pecorino Romano grattugiato
  • q.b. pepe nero

Procedimento:

Mettete sul fuoco una pentola con acqua salata per gli spaghetti. Nel frattempo tagliate a striscioline il guanciale avendo cura di rimuovere la cotenna.

Mettete a rosolare il guanciale in una padella antiaderente (senza aggiungere assolutamente olio perchè è già di per sé saporito e grasso) e fate cuocere a fiamma media.

Intanto versate gli spaghetti e portate a cottura. Nel frattempo spegnete il guanciale e tenetelo da parte.

Ora separate gli albumi dai tuorli e disponete quest’ultimi in un recipiente capiente. Unite ai tuorli la maggior parte del Pecorino grattugiato e amalgamate bene.

A cottura ultimata, scolate gli spaghetti e versateli nel recipiente dove avete precedentemente amalgamato i tuorli con il Pecorino. Mescolate bene unendo il guanciale e due macinate di pepe nero. Servite e insaporite ogni piatto con il Pecorino grattugiato che avete tenuto da parte.

Se volete aggiungere quel tocco in più, come abbinamento vi consiglio la birra Brenta Brau Vienna del Birrificio Val Rendena:

Birra Brenta Brau Vienna

Brenta Brau Vienna:

Un’ottima birra prodotta secondo lo stile delle “Vienna Lager” a bassa fermentazione, indicata per grigliate di carne, formaggi stagionati e primi piatti con verdure.

CLICCA QUI per la scheda tecnica e per acquistarla su Eccellenze Del Gusto con il codice sconto del 10% CUCINA 10

Crostatine lamponi, fragole e fragoline di bosco

Crostatine con marmellata
Crostatine lamponi, fragole e fragoline di bosco

Queste crostatine con marmellata di lamponi, fragole e fragoline di bosco di Rigoni di Asiago vi porterà una brezza estiva che ahimè ci siamo lasciati ormai alle spalle. Sono ottime come dolce dopo cena oppure per una merenda per i bimbi 🙂

La frolla è facile da fare e risulta morbida e delicata.  Con questa ricetta avrete sei ottime crostatine da poter offrire, perché no, alle vostre amiche per un ritrovo pomeridiano davanti una buona tazza di tè inglese.

Note:

Difficoltà bassa

preparazione semplice

Cottura 20 minuti

Ingredienti:

200 gr. farina 00

40 gr. farina di nocciole

1 uovo

100 gr. burro

70 gr. zucchero semolato

10 gr. lievito in polvere per dolci

1 baccello di vaniglia

q.b. marmellata di lamponi di Rigoni di Asiago

q.b. marmellata di fragole e fragoline di bosco di Rigoni di Asiago

un pizzico di sale

Preparazione:

Per la preparazione della pasta frolla potete vedere il procedimento anche nella ricetta dei Biscotti nocciole e cocco.

Iniziate tritando finemente le nocciole con un mixer. Impastate il burro ammorbidito con lo zucchero e unite successivamente l’uovo. Aggiungete il pizzico di sale, la farina insieme al lievito, i semi di baccello di vaniglia (incidete per il lungo il baccello e ricavatene la polpa) e la farina di nocciole. Amalgamate bene il tutto e ricavate il panetto di frolla. Avvolgetelo nella pellicola e fatelo riposare in frigorifero per una mezz’ora. Accendete il forno a 160° ventilato e prendete gli stampini monoporzione per le crostatine con diametro base di 10 cm e altezza 2 cm 🙂

Imburrate ed infarinate gli stampini e prendete dal frigorifero il panetto di frolla.

Con il mattarello lavorate la frolla su una spianatoia infarinata fino ad avere uno spessore di circa mezzo centimetro. Ricavate con un tagliapasta dei cerchi di pasta di circa 14 cm di diametro con i quali rivestire gli stampini. Fateli aderire bene agli stampini ed eliminate con il mattarello gli eccessi di pasta dai bordi. Non bucherellate la superficie perché la marmellata potrebbe uscire sul fondo in fase di cottura e fare attaccare la pasta frolla agli stampini ! Quindi riempite gli stampini di marmellata alternando tra lamponi e fragole/fragoline di bosco 🙂 Utilizzate la pasta frolla avanzata per creare le decorazioni, potete sbizzarrirvi con stelle, fiori, cuoricini oppure con le classiche righe 🙂 Adagiate gli stampini su una leccarda ed infornate.

Fate cuocere per circa18/20 minuti (fino a quando saranno dorate) e poi sfornate facendole raffreddare.

Prima di servire se preferite, potete spolverizzare le crostatine con dello zucchero a velo 🙂

 

 

 

Involtini ai tre sapori

Involtini saporiti
Involtini ai tre sapori

Un piatto veloce e saporito, pronto in appena 25 minuti ! Pronte per la ricetta ? 🙂

Ingredienti per 12 involtini:

12 fettine di vitello

2 etti Prosciutto crudo di Parma affettato

2 etti Prosciutto di Praga affettato

2 etti Mortadella senza pistacchio affettata

2 scamorze bianche

2 scamorze affumicate

1 rametto di rosmarino fresco

q.b. olio evo

q.b. burro

q.b. sale grosso

q.b. pepe verde macinato

24 stuzzicadenti di legno

Procedimento:

La preparazione è molto veloce, ci vorranno solo dieci minuti e altri 10/15 per la cottura.

Se volete potete preparare in anticipo gli involtini e vi basterà tenerli in frigorifero fino al momento della cottura 🙂

Prendete la scamorza affumicata e tagliate 6 fettine non troppo spesse e poi fate lo stesso per la scamorza bianca.

Ora, su un piano di lavoro, stendete le fettine di vitello e procedete con la farcitura:

Su tre fettine di vitello stendete per ognuna una/due fette di Prosciutto di Praga e una fettina di scamorza affumicata. Per le altre tre fettine di vitello stendete una/due fette di Prosciutto di Parma e una fettina di scamorza affumicata. Per le restanti fettine di vitello utilizzate la Mortadella e le fettine di scamorza bianca. Arrotolate le fettine in modo da ricavare gli involtini e fermateli aiutandovi con degli stuzzicadenti di legno.

In un grosso tegame antiaderente fate soffriggere due belle noci di burro con 4/5 cucchiai da tavola di olio evo. Unite con delicatezza gli involtini, il rametto di rosmarino e salate e pepate. Incoperchiate e fate rosolare a fiamma media e poi girate con molto delicatezza gli involtini e continuate la cottura fino a quando saranno dorati e cotti (in totale 10/15 minuti).

Servite con un’insalatina di valeriana e pomodorini ciliegini 🙂

 

Risotto pere e taleggio

Risotto pere e taleggio
Risotto pere e taleggio

Il risotto con pere e taleggio è ideale per una cena romantica oppure per una serata con ospiti ! L’effetto wow sarà assicurato basta abbinarci un vino di ottima qualità 🙂

Passiamo subito agli ingredienti, l’unico accorgimento da usare è utilizzare un taleggio Dop !

Ingredienti per 4 pp.:

250 gr. riso Carnaroli

2 pere Abate medie dimensioni

50 gr. formaggio Taleggio Dop

1 lt. brodo vegetale (preparato in precedenza)

1 bicchiere di vino bianco

1 cipolla bionda media

q.b. burro

q.b prezzemolo fresco

Preparazione:

Iniziate con il pulire e tagliare a dadini le pere e il taleggio e tenete da parte. Affettate anche la cipolla.

Mettete a scaldare il brodo vegetale preparato in precedenza e unite in una casseruola una noce abbondante di burro e soffriggete la cipolla a fuoco medio e quando sarà trasparente unite il riso.

Fate tostare e poi sfumate con il vino bianco.

Appena sarà evaporato l’alcol del vino, bagnate con una mestolata di brodo vegetale caldo e unite le pere tagliate a dadini. Tenete sempre mescolato e aggiungete man mano il brodo fino a cottura del riso (18 minuti).

A cottura ultimata togliete dal fuoco e mantecate il risotto con il taleggio.

Servite spolverizzando il risotto con una manciata di prezzemolo fresco e accompagnate con un ottimo Prosecco di Valdobbiadene 🙂

 

 

 

 

 

 

Cannelloni di Magro

cannelloni farciti di ricotta e spinaci al forno
Cannelloni di magro

Eccoci qui con un’altra ricetta, un primo piatto conosciutissimo amato al pari delle lasagne al forno. Di solito si preparano in due versioni, di magro quindi farciti con ricotta e spinaci oppure con il ragù. Io preferisco i cannelloni di magro perché sono più delicati e perché ci sono anche le verdure 🙂

E’ di facile realizzazione, potete anche preparare la farcia e la besciamella prima per esempio il pomeriggio per la sera e poi assemblare la ricetta e mettere in forno per la cottura.

Con questi ingredienti si ottengono 20 cannelloni, una porzione abbondante per 4 persone 🙂

Ingredienti:

1 kg. spinaci in foglie (freschi oppure congelati)

250 gr. ricotta vaccino

500 ml. besciamella preparata in precedenza

1 uovo

1 cucchiaio da tavolo di olio evo per la farcia

70 gr. Grana Padano grattugiato

10 sfoglie di pasta fresca (quella utilizzata per le lasagne)

q.b. sale fino

q.b. pepe

q.b. burro per la gratinatura e per la sigillatura dei cannoli

q.b. formaggio Gruviera grattugiato per la gratinatura

q.b. aromi misti (erbe di Provenza)

4/ 5 foglioline di salvia fresca

Preparazione:

Iniziate con mettere a bollire gli spinaci per circa 10 minuti se freschi oppure 15/20 minuti se surgelati. Per la besciamella potete vederne la preparazione nella ricetta delle lasagne ricche  https://nonsolocucinando.com/2015/01/29/lasagne-ricche/ oppure il video su You Tube 🙂 https://www.youtube.com/watch?v=tDx51Ni0x9Q

Quando gli spinaci saranno cotti, scolateli e fateli raffreddare.

Prendete un contenitore capiente e ponete gli spinaci strizzati, l’uovo sbattuto, la ricotta, il sale, il pepe (oppure una grattuggiata di noce moscata), il formaggio Grana Padano grattugiato, gli aromi misti e il cucchiaio di olo evo. Amalgamate bene il tutto e assaggiate per capirne la sapidità.

Accendete il forno funzione sopra e sotto (statico) a 180° e preparate i cannelloni:

Su un piano di lavoro stendete la prima sfoglia di pasta e con l’ausilio di un coltello oppure di una rotella tagliate la striscia a meta per l’altezza in modo da avere due rettangoli. Ponete più o meno al centro del primo rettangolo un po’ di farcia e rotolatelo su se stesso avendo cura di spennellare di burro l’ultimo pezzo di pasta per sigillare bene il cannellone. Ripetete l’operazione per tutte le sfoglie.

preparazione dei cannelloni

Glassate il fondo della teglia da forno con parte della besciamella. Adagiate i cannoli e copriteli con la besciamella. Cospargete con una dose generosa di formaggio Gruviera grattugiato, adagiate qualche ciuffetto di burro e le foglioline di salvia.

Infornate e cuocete per circa 20/25 minuti avendo cura di gratinare gli ultimi 5 minuti di cottura.

Servite ed accompagnate con buon vino rosato 🙂

 

 

 

 

Fagottini di lonza di suino con prosciutto toscano e condimento ai fichi De Nigris

fagottini-di-maiale-con-condimento-ai-fichi

Finalmente svelata la ricetta con l’ingrediente segreto … Fagottini di lonza di suino con prosciutto toscano e il condimento con aceto balsamico di Modena IGP ai fichi di De Nigris !! 🙂

Con questa ricetta ho voluto rivisitare un piatto storico della cucina regionale, Prosciutto e Fichi, utilizzando la tagliata di lonza di suino, il prosciutto toscano e ovviamente il condimento con aceto balsamico ai fichi di De Nigris ! Ho ampliamente parlato dell’Acetificio De Nigris e se volete scoprire di più, leggete il mio articolo pubblicato nella categoria Condimenti e Recensioni https://nonsolocucinando.com/2017/01/27/de-nigris-1889-leccellenza-dellaceto-balsamico/

Ma passiamo alla ricetta !

Ingredienti per 6 pp.:

Condimento aceto balsamico ai fichi De Nigris

18 fettine di tagliata di lonza di suino

350 gr. Robiola fresca

200 gr. Prosciutto Toscano

mezzo bicchiere di vino bianco

300 ml brodo di verdure

1 mazzetto erba cipollina  fresca

36 fili di erba cipollina per la chiusura dei fagottini

1 mazzetto di Coriandolo fresco

2 mele verdi

40 gr. burro

q.b. olio evo

q.b. sale fino

Procedimento:

In un contenitore capiente amalgamate la robiola con un pizzico di sale, l’erba cipollina tagliata a tocchetti e il coriandolo fresco tritato. (tenete un po’ di coriandolo tritato per la guarnitura finale).

Pulite le mele, sbucciatele e tagliatele a fettine sottili.

Su un tagliere, prendete una fetta di lonza di suino, adagiatevi sulla superficie una fetta di prosciutto toscano, cospargete con la crema di Robiola e 2 fette di mele. Arrotolate la fetta di carne su stessa formando un rotolino. Fermate i fagottini con due fili di erba cipollina.

Procedete così per tutte le fette di lonza di suino 🙂

Nel frattempo preparate il brodo di verdure e portate a bollore.

In un tegame fate sciogliere il burro e il filo d’olio evo. Quando sfrigola unite i fagottini e fate rosolare da tutti i lati con molta delicatezza. Sfumate con il vino bianco e dopo aver fatto evaporare l’alcol, abbassate la fiamma, salate e pepate.

Fate cuocere per circa 20 minuti avendo cura di unire qualche mestolata di brodo per non fare attaccare e bruciare i fagottini.

Negli ultimi cinque minuti scoperchiate e portate a cottura.

Guarnite i fagottini con una spolverata di coriandolo tritato e con il sublime condimento ai fichi De Nigris 🙂 Potete accompagnare con verdure cotte (fagiolini, cipolline in agrodolce …) e un ottimo vino Rosato di Bolgheri ! 🙂 🙂

 

 

Pane casereccio canadese di segale e farro spelta

pane-casereccio-canadese

Eccoci, vi avevo promesso la ricetta ! 🙂

E’ sempre bello fare il pane in casa, perché potete farlo con gli ingredienti che più vi piacciono e perché potete farvi aiutare dai vostri bimbi 🙂

Io ho comprato questa farina canadese “Montana” che è un mix di cereali, segale e farro spelta biologici.

Il farro spelta è nato sul Mar Caspio 2000 anni fa e insieme alla segale e alla farina di grano tenero tipo 0 manitoba, contribuiscono a dare un gusto unico a questo pane.

Mettiamoci al lavoro ! 🙂

Ingredienti:

500 gr. farina canadese con segale e farro spelta “Montana”  del Molino Grassi

250 ml. acqua naturale

2 cucchiai da tavolo di olio evo biologico

1 manciata di sale grosso Fleur de sel Camargue

16 gr. Lievito per salati senza glutine del Molino Chiavazza

1 cucchiaino da caffè di zucchero di canna

Procedimento:

Unite in un contenitore capiente la farina setacciata con il lievito e il sale grosso e il cucchiaino di zucchero di canna.

Ora unite pian piano l’acqua e l’olio evo e iniziate a mescolare con un mestolo di legno. Continuate fino ad esaurimento dell’acqua e versate l’impasto sulla spianatoia leggermente infarinata (sempre con la farina canadese).

Impastate a mano formando quindi la classica palla. Infine incidente la superficie con un coltello formando la classica croce.

Disponete ora la forma di pane in un recipiente coperta da un canovaccio pulito e fatela riposare lontano da correnti d’aria per circa 1 h.

Trascorso il tempo della lievitazione, accendente il forno funzione statico a 230°.

Disponete la forma di pane sulla teglia ricoperta da carta da forno.

Spennellate la superficie del pane con un filo d’olio evo e una spruzzata di farina canadese.

Infornate per circa 30-35 minuti avendo cura, dopo 10 minuti di cottura, di inserire nel forno una scodellina (non di plastica mi raccomando !) piena di acqua. Questa manterrà la giusta dose di umidità in cottura.

Quando il pane sarà cotto, estraetelo dal forno e fatelo raffreddare su una gratella 🙂

Ideale come accompagnamento, per crostini rustici e perché no, per una sana merenda con crema di nocciole 🙂 🙂