Consigli in pentola

piano alimentare

Qualche giorno fa sono andata dalla nutrizionista perché mi sentivo gonfia malgrado mangiassi regolarmente durante i pasti e praticamente zero a colazione (solo il solito caffè di rito..). C’é da dire che lo scorso mese ho anche pasticciato e mangiato male perché stavo rifacendo la cucina (ed ecco svelato il perché ultimamente non ho postato nuove ricette) ma oltre ad essere gonfia mi sentivo affaticata e senza forze ! Io non sono mai stata una che pasticcia, che mangia fuori pasto e si ingozza di snack vari perché effettivamente non mi piacciono, al massimo mi concedo un bel pezzo di cioccolato fondente di quelli un po’ costosi ma super buoni oppure il bicchiere di vino buono che costa un pochino ma che ne vale la pena per qualità e gusto. Quindi ritornando all’argomento, durante l’incontro ho scoperto tutti gli errori che commettevo !

Ovvero, sbagliatissimo mangiare solo un primo o solo un secondo! Nella dieta alimentare, meglio dire piano alimentare, bisognerebbe includere, sia per pranzo che per cena, tutti i nutrienti (carboidrati, proteine, grassi e verdure). Ho anche scoperto che non bisogna mai mischiare i diversi tipi di proteine all’interno dello stesso piatto (ad esempio uova con formaggio, oppure i legumi (piselli, ceci …) con il pesce e mai mischiare i carboidrati (ad esempio pasta con il pane o con le patate).

E che durante la settimana bisognerebbe mangiare:

Il pesce 3 volte, le uova 2 volte, i legumi 3-4 volte, la carne 3 volte (2 volte bianca e 1 volta rossa), i formaggi 1-2 volte alla settimana.

E la colazione? Io che non ero proprio abituata a fare colazione adesso mi “diletto” con yogurt e frutti di bosco, pane burro e marmellata, torte fatte in casa … 🙂

E i dolci? meglio al mattino a colazione ed evitarli assolutamente dopo il pranzo e la cena 🙂

Ed ecco altri consigli:

Bere almeno due litri d’acqua al giorno

Frutta 3 porzioni al giorno e verdura 2 porzioni al giorno

Variare gli alimenti, io per esempio compro pasta di farro, di grano antico, di ceci … e mi sto sbizzarrendo con il pesce (sogliole, orate, pesce spada) e con la carne bianca (pollo, tacchino, coniglio).

Usare olio extra vergine di quelli buoni (una bottiglia di olio buono se è buono costa dai 10 euro in su) e preferire i grassi buoni del pesce ai grassi animali (carni grasse, affettati e formaggi).

Diminuire l’utilizzo del sale e consumare più erbe aromatiche (basilico, prezzemolo, salvia …)

e poi ? Attività fisica! mezz’ora al giorno basta, potete camminare, fare cyclette, qualche sbracciata in piscina insomma basta fare un po’ di esercizio fisico che fa bene al cuore, all’umore e alla linea 🙂

E così dopo due settimane devo dire che sta funzionando! 🙂 Mi sono sgonfiata, non mi sento più affaticata anzi ho più energie e ho anche notato che anche le mie unghie e i miei capelli stanno meglio! Sapete perché? Perché le vitamine migliori sono quelle che si assorbono dalla frutta e dalla verdura 🙂

Per comodità vi segnalo di seguito tutti gli alimenti, consiglio a tutti voi  di recarsi da uno specialista, io qui vi indico solo alcuni consigli che sto provando su me stessa dopo aver visto appunto una nutrizionista ma ribadisco che il mio piano alimentare, che comprende tutti gli alimenti,  è rigorosamente basato sui miei esami e sulle mie allergie 🙂

CARBOIDRATI:

Pasta, pane, patate, riso, orzo, quinoa, cous cous, miglio, amaranto …

PROTEINE:

Legumi (piselli, cci, fagioli, fagiolini, fave, soia, lenticchie ..)

Pesce (orata, spigola, branzino, merluzzo, nasello, trota, cernia, triglia, salmone, pesce spada, tonno, sogliola, gamberetti, polpo…)

Carni bianche (pollo, tacchino, coniglio, coniglio …)

Carni rosse (bovina, ovina, suina ed equina)

Formaggi freschi (mozzarella di bufala, primo sale, caprino, crescenza, ricotta …)

Formaggi stagionati (Grana, Parmigiano e Pecorino)

Affettati (prosciutto cotto, bresaola, prosciutto crudo, tacchino, pollo)

Uova

VERDURE ED ORTAGGI:

Insalate varie a foglia, spinaci, broccoli, carciofi, carote, cavolfiore, cavoletti di Bruxelles, finocchi, fagiolini, porri, rape, ravanelli, sedano, pomodori, peperoni, melanzane —

CONDIMENTI:

Olio extra vergine d’oliva, aceto di mele, succo di limone, basilico, prezzemolo, rosmarino, bacche di Goji, semi di lino e zucca

FRUTTA:

frutta fresca: albicocche, anguria, ananas, arance e mandarini, avocado, frutti di bosco …

DOLCIUMI:

Miele, pappa reale e polline, marmellate e confetture

BEVANDE:

caffè d’orzo, the e tisane, acqua, ridurre birra, vino e caffè

Fatemi sapere cosa ne pensate e se anche voi avete già sperimentato questo stile di vita e se avete altri consigli 🙂 E … in arrivo nuove ricette in linea con le indicazioni di quest’articolo 🙂

 

 

 

 

 

I miei Pizzoccheri :-)

pizzoccheri

Adoro i pizzoccheri ! Un ottimo piatto unico invernale della Valtellina che unisce verdure e un ottimo formaggio, il Casera DOP. Ho anche un bellissimo ricordo, di una stupenda giornata passata  in cucina a prepararli insieme alla brigata del hotel Bagni Nuovi a Bormio 🙂 🙂

Questa è la mia ricetta, per facilitarvi il compito ho inserito i pizzoccheri (la pasta) già pronti ma l’ideale sarebbe farli a mano con la farina di grano saraceno, la farina 00 e l’acqua fredda 🙂 Più avanti pubblicherò anche l’impasto, non perdetevelo ! 🙂

Ingredienti per 6 pp:

500 gr. Pizzoccheri già pronti

4 patate medie

1/2 verza

750 gr. erbette

750 gr. coste

400 gr. formaggio Casera DOP

300 gr. burro

1 mazzetto salvia fresca

3 spicchi d’aglio

q.b. formaggio Parmigiano Reggiano DOP

q.b. sale grosso

Procedimento:

Pulite la verza e tagliatela a listarelle.

Pulite sia le coste e le erbette e tagliatele grossolanamente.

Sbucciate le patate e tagliatele a cubetti.

In una casseruola capiente, ponete tutte le verdure e portate a bollore con abbondante acqua salata. Nel frattempo affettate il formaggio a cubetti.

Quando l’acqua delle verdure bolle, fatele cuocere per altri 10 minuti e aggiungete quindi i pizzoccheri e fate cuocere per ulteriori 10 minuti. Contemporaneamente, in un tegame, sciogliete a fuoco lento il burro con la salvia e gli spicchi d’aglio sbucciati.

Scolate le verdure e i pizzoccheri in una grande zuppiera e incorporate i cubetti di formaggio, avendo cura di amalgamarli bene. Versate a questo punto il burro fuso insaporito con la salvia e l’aglio.

Cospargete con un’abbondante quantità di Parmigiano Reggiano e servite caldi con un grande vino della Valtellina (Grumello docg., Inferno docg., Sassella docg.).

 

 

 

 

Torta Salata Rustica

torta befana 3

Una ricetta facile e veloce da preparare.

Ideale come piatto unico oppure come secondo e un trucchetto per far mangiare ai vostri bimbi le verdure 🙂   

Ingredienti:

500 gr. misto scarola, spinaci, erbette e verza

250 gr. ricotta vaccino

180 gr. Grana Padano grattugiato

200 gr. Speck tagliato a listarelle

200 gr. Emmental a cubetti

2 uova

q.b. sale e pepe

Una manciata di salame a cubetti (tipo Cacciatorino)

2 dischi Pasta Sfoglia Integrale Buitoni

q.b. fiocchi di burro

q.b. Grana Padano grattugiato per la gratinatura

Procedimento:

Mettete a bollire il misto di verdure in una pentola capiente con acqua salata.

Fate bollire per circa 15 minuti e poi scolate.

Fate raffreddare e strizzate bene le verdure in modo da far scolare l’acqua in eccesso.

Raccogliete in una ciotola dai bordi alti le verdure, la ricotta, le uova sbattute, il formaggio grattugiato, l’Emmental e lo speck.

Amalgamate bene, salate e pepate.

Disponete su una teglia rotonda il primo disco di pasta sfoglia con la sua carta da forno e praticate dei buchetti con i rebbi di una forchetta. Nel frattempo accendete il forno statico (cottura sopra e sotto a 200°).

Versate e livellate il composto. Aggiungete la manciata di salame e aggiungete dei fiocchettini di burro e una manciata di Grana Padano grattugiato.

Prendete il secondo disco di Pasta Sfoglia e adagiatelo sopra il composto, avendo cura di pizzicare insieme i bordi del primo disco con il disco di pasta sfoglia superiore.

Bucherellate anche questo disco di pasta sfoglia con i rebbi della forchetta.

Infornate e portate a cottura per circa 30 minuti.

Una volta cotta, spegnete il forno, estraete la torta rustica e fatela riposare per circa 15 minuti.

Servite sul piatto di portata. Può essere un ottimo piatto unico aggiungendo patate al forno per la felicità dei vostri bimbi e non solo … 🙂

Torta Salata Befana